Il bonus legato all’emergenza Coronavirus? Non è previsto, così come nemmeno il “reddito di cittadinanza”. Annalisa Brundu, 51enne di Quartu, da dicembre non ha più nessun contratto: “Ho dovuto rassegnare le dimissioni dal mio posto di lavoro per motivi di salute, ho una brutta spondilite e la fibromialgia. Lo Stato mi ha riconosciuto un invalidità del 51 per cento”, spiega la donna. ” nell’ultimo anno di lavoro mi erano state pure ridotte le ore e arrivava guadagnare appena €300 al mese, non mi bastavano nemmeno per le medicine”. Sempre meglio di zero euro, comunque. “Il Governo non ha pensato alle categorie come la mia, nessun aiuto in questo periodo di emergenza Coronavirus e non posso nemmeno fare affidamento sul reddito di cittadinanza”. Come mai? Stando alle spiegazioni della donna, “per lo stato sono una persona comunque ricca, perché ho un Isee immobiliare di 29700 euro, frutto di un piccolo locale che ho ereditato da mio padre, morto ventuno anni fa. Ho anche provato a venderlo, chiedo 300mila euro, ma finora non si è fatto avanti nessuno e io sto continuando anche a pagarci le tasse”. Insomma, una situaizone davvero al limite: ” ho un tetto grazie a mia madre, vivo in una piccola mansarda della sua abitazione. Voglio lanciare un appello a tutte le istituzioni, partendo sal sindaco di Quartu, Stefano Delunas. Può fare qualcosa per dare una mano anche a quelli che si trovano nella mia situazione, cioè che sono inoccupati, malati e senza nessun tipo di sostegno economico da parte dello Stato?”.

Fonte: Casteddu On Line

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.