In Sardegna, il 2022 registra una diminuzione rispetto all'anno precedente del numero di pensioni di gestione privata, cresce invece il numero di quelle che riguardano i dipendenti pubblici. Nel primo caso le partite pensionistiche passano da 474.271 del 2021 a 473.304 dell'anno in corso, nel secondo da 109.317 a 111.773. E' quanto emerge dall'ultimo report di Inps Sardegna illustrato dal direttore regionale Alessandro Tombolini a margine della firma del protocollo d'intesa sottoscritto tra direzione regionale dell'ente e i sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil.

"Le pensioni dei privati diminuiscono a fronte della crescita delle pensioni in cumulo inserite in 'Altre gestioni previdenziali'", ha sottolineato Tombolini. Aumentano invece gli importi medi per i pensionati privati: da 771,62 euro del 2021 (952,08 la media nazionale) a 792,29 euro nel 2022.

Il report di Inps Sardegna contiene anche i numeri dell'assegno unico universale, la misura a sostegno delle famiglie introdotta a marzo scorso con l'obiettivo di razionalizzare misure precedenti previste per le famiglie con figli. Beneficiari sono i nuclei con minorenni a carico, maggiorenni che non abbiano compiuto 21 anni se studenti o disoccupati, figli disabili, mentre per i nuovi nati l'assegno decorre dal settimo mese di gravidanza. Ebbene, in Sardegna nei primi cinque mesi dell'anno sono state presentate 126.266 domande. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.