Indignazione a Quartu, il cane meticcio Black ammazzato da una polpetta avvelenata. Black era un bel cane, un meticcio certo, dicono anche un po’ fastidioso per i vicini con questo suo vezzo di abbaiare e di rispondere ai latrati degli altri cani, ma una fine del genere non la meritava davvero: abbattuto da una polpetta avvelenata lanciata da una mano ignota in un cortile di Quartu Sant’Elena. La proprietaria 40enne, disperata nell’osservare l’agonia ormai avanzata del proprio animale, senza neppure la speranza di poter risolvere con un intervento rapido di un veterinario, ha chiamato i carabinieri del posto che sono accorsi, ma hanno soltanto potuto verificare la morte innaturale del cane.

L’intervento del veterinario ha poi certificato che l’animale è stato avvelenato, certamente con un boccone letale, preparatogli con la volontà di ucciderlo. Ora i militari tenteranno di capire meglio come sia potuto accadere, visioneranno le telecamere della zona, sentiranno chi possa aver visto e abbia voglia di riferire. Non sarà facile, ma i carabinieri non rinunceranno a ricostruire la vicenda, perché l’uccisione di un animale costituisce un delitto punito con la reclusione sino ad un anno e un atto di particolare crudeltà. Qualche giusta indicazione potrebbe già provenire dalla proprietaria dell’animale e i militari la stanno sentendo proprio in queste ore.

L'articolo Indignazione a Quartu, il cane meticcio Black ammazzato da una polpetta avvelenata proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.