Si torna, ancora una volta e come in un incubo senza fine, ai tempi bui delle aperture di nuovi reparti di terapia intensiva per i pazienti Covid, anche a Cagliari. Da oggi è operativo il reparto di Terapia Intensiva dell’ospedale SS. Trinità di Cagliari. Oltre a quello dell’ospedale Binaghi, che conta 11 posti letto dedicati ai pazienti Covid, la Direzione dell’ASL di Cagliari ha ampliato la disponibilità di postazioni, aprendo il reparto del SS. Trinità con 8 posti letto per far fronte al picco pandemico attualmente in atto.

Nonostante l’aumento del numero quotidiano di contagi, resta comunque proporzionalmente basso il numero di persone ricoverate, 15 in totale nelle terapie intensive.  Al momento sono 5 i pazienti Covid ricoverati al SS. Trinità, di cui 4 non vaccinati. Nella terapia intensiva del Binaghi i pazienti Covid sono 10, di cui 8 non vaccinati.

Pertanto l’invito a tutta la popolazione da parte dell’Ats “è, ancora una volta, quello di vaccinarsi per tutelare la propria salute e quella delle persone intorno”.

 

L'articolo Incubo senza fine, a Cagliari riaperta oggi la terapia intensiva al Ss. Trinità per i malati Covid proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.