Nel primo pomeriggio Amedeo Secchi, 48 anni, ha perso la vita alle porte di Villasor. Più tardi, all'ingresso del paese, il tragico schianto che non ha lasciato scampo al 21enne Omar Carta

VILLACIDRO. Si chiamava Omar Carta, di Villacidro, e aveva 23 anni la vittima del secondo incidente accaduto nella serata di ieri, giorno di Natale, nelle strade del Campidano. Nel primo, a Villasor, aveva perso la vita il parrucchiere Amedeo Secchi, 48 anni, anche lui di Villacidro, che alla guida della sua Peugeot 206 é andato a schiantarsi contro un muro sulla provinciale 7 , alla periferia del paese.

Qualche ora più tardi, intorno alle 20, a 25 chilometri di distanza, sulla strada provinciale 60 che da Villacidro porta a Samassi, Omar Carta, al volante di una Fiat 16, ha sbandato e perso il controllo dell’auto, che si é ribaltata sulla carreggiata. Il conducente, sbalzato dall’abitacolo, é rimasto poi schiacciato dalla vettura. In entrambi gli incidenti hanno operato i vigili del fuoco del distaccamento di Sanluri e, sulla provinciale 7, i carabinieri di Villasor e sulla Sp 60 quelli della Compagnia di Villacidro. (luciano onnis)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.