Operazione soccorsi italo-sloveni. Tedesca di 27 anni,ipotermia

(ANSA) - TRIESTE, 01 SET - Si è concluso questa mattina alle 5, dopo circa dodici ore di lavoro, l'intervento di recupero di una giovane escursionista tedesca, di 27 anni, rimasta bloccata dal maltempo e dalla neve sulla cima del Mangart dopo aver risalito la ferrata degli Sloveni.

Dopo la prima fase di collaborazione tra squadre di soccorso italiane - la stazione di Cave del Predil del Soccorso Alpino e Speleologico del Friuli Venezia Giulia - e squadre slovene, queste ultime hanno raggiunto nuovamente il rifugio Rifugio Koča ná Mangrtù (1900 metri) - la richiesta di soccorso è partita alle 16.40 circa - mentre imperversava il maltempo, calando la barella con la ragazza lungo la stessa via ferrata, dove i soccorritori italiani avevano predisposto altre calate supplementari e chiodi a espansione per assicurare la discesa ai colleghi.

La salita delle squadre verso la cima era avvenuta invece in parte anche lungo la via normale che corre in parte sul confine tra i due stati e in parte in territorio italiano.

Questa mattina il capostazione di Cave del Predil ha sentito il collega sloveno per assicurarsi del buon esito delle operazioni.

La ragazza è ora ricoverata all'ospedale di Tolmino in ipotermia. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.