Rinviati a giudizio per aver dato alle fiamme rifiuti in discariche abusive alla periferia di Cagliari, 9 cittadini di origine bosniaca compariranno in tribunale il prossimo 22 marzo con l’accusa di disastro ambientale. Il giudice per le udienze preliminari Giorgio Alfieri ha così accolto la richiesta del pubblico ministero Giangiacomo Pilia, titolare dell’inchiesta sui roghi appiccati alle porte di Cagliari, sulla statale 554, vicinissimi ai campi rom della zona. Gli incendi, secondo l’accusa, avevano sviluppato fumo tossico e diossina, invadendo i quartieri di Mulinu Becciu e San Michele e mettendo così a grave rischio non solo l’ambiente ma anche la salute dei residenti. Il campo rom, con alcuni furgoni che venivano utilizzati dagli occupanti per trasportare i rifiuti da incendiare, fu sequestrato nel 2016.

 

 

Le indagini sono state condotte dal Noe dei carabinieri con le ipotesi di reato di abbandono, raccolta, gestione illecita di rifiuti, anche speciali e pericolosi, inquinamento e disastro ambientale.

L'articolo Incendi tossici nei campi Rom sulla 554, nove romeni a processo per disastro ambientale a Cagliari proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.