Oggi è il quarto giorno di attività dell’Unità di Emergenza LAV in una Sardegna devastata dagli incendi. Le operazioni di personale e volontari sul campo proseguono a pieno ritmo, con temperature proibitive, specie per gli animali gravemente ustionati, mentre si fanno strada le notizie di nuovi incendi. 

“Continuiamo a lavorare senza sosta, la situazione è drammatica e sono tanti gli animali feriti, ustionati, o intossicati dai fumi, che incontriamo sulla nostra strada e che stiamo visitando o trasportando in clinica veterinaria – dichiara Beatrice Rezzaghi, responsabile dell’Unità di Emergenza LAV arrivata nell’oristanese martedì, che aggiunge – purtroppo siamo costretti a constatare anche la presenza di molti animali morti, lungo le strade. Sono sia animali selvatici, sia animali allevati, ma anche diversi cani. La cosa che fa più male, è trovare cani morti intrappolati, perché tenuti in recinti o legati a catena, che non hanno avuto la possibilità di sfuggire alle fiamme. La crudeltà che si somma all’orrore dei roghi”. 

Dal momento del suo arrivo in Sardegna, l’Unità di Emergenza LAV, supportata da una squadra di 10 volontari delle sedi locali di Cagliari e Sassari – con la sua ambulanza veterinaria e grazie alla disponibilità di due furgoni concessi gratuitamente da Locauto – ha soccorso oltre 50 animali, trovati nelle campagne, lungo le strade, o segnalati dalla popolazione o dalle Forze attive sul territorio, come Vigili del Fuoco e Protezione Civile, con cui l’associazione è in costante contatto.  

Tra questi animali, una giovane pecora trasportata in clinica veterinaria e purtroppo deceduta a causa della gravità delle ustioni, alcuni maiali e galline, oltre a 3 asini rimasti feriti nei roghi. Tra gli animali soccorsi, 40 cani e 3 gatti ustionati, di cui i più gravi sono stati trasferiti presso la Clinica Duemari di Oristano, che l’associazione ringrazia per il supporto fornito nelle cure e nell’individuare degli stalli per 8 cani che, una volta curati, saranno presi in carico da LAV che occuperà di farli adottare.  

Oltre a prestare cure agli animali – selvatici o familiari – in difficoltà o feriti perché coinvolti negli incendi, e al loro trasporto presso cliniche veterinarie, l’Unità di emergenza LAV e i suoi volontari prevedono di proseguire le proprie attività sul duplice fronte delle perlustrazioni alla ricerca di animali ancora vivi da soccorrere, e dell’aiuto alle strutture del territorio, come canili e rifugi, anche attraverso la fornitura di generi di prima necessità, come cibo e medicinali per gli animali da accudire.  

“Ogni giorno in Sardegna combattiamo una sfida contro il tempo per salvare gli animali ancora vivi, ma la situazione è lontana dal risolversi e in continua evoluzione. Un’area vastissima è stata devastata e ci arrivano notizie di nuove riaccensioni di incendi, ci teniamo pronti a ogni sviluppo – commenta Roberto Bennati, Direttore Generale LAV e prosegue – i nostri operatori presenti sul campo sono stati accolti con molto entusiasmo dalla popolazione, persone che hanno perso tutto e che ci hanno affidato i propri animali nella speranza di salvarli. Inoltre, ci sarà una fase due, non meno impegnativa della prima, in cui sarà necessario assicurare aiuti e supporto nelle attività di messa in sicurezza e rifacimento di strutture e rifugi per gli animali sopravvissuti ai roghi”. 

In queste ore drammatiche, LAV rinnova il suo appello a cittadini e turisti a segnalare situazioni di animali in stato di necessità per l’emergenza incendi in Sardegna, utilizzando i recapiti 064461325 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..  

Ora come non mai c’è bisogno di un grande sforzo di solidarietà. Per sostenere LAV nelle operazioni di soccorso agli animali colpiti dall’incendio, è possibile donare su: https://bit.ly/LAV-Emergenza-Incendi-Sardegna 

L'articolo Incendi in Sardegna, la Lav in aiuto degli animali ustionati con un’ambulanza e 10 volontari proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.