In un negozio vestito da pecora e con mascherina bucata: multato
Bloccata dai carabinieri la provocazione di un operaio che contestava le misure anti-covid

Vestito da pecora e con indosso un mascherina bucata, per scoprire naso e bocca, è entrato in un negozio. Ma la provocazione è andata male. Un operaio di Sarroch, 35 anni, ieri è stato sanzionato dai carabinieri della stazione del paese per violazione delle norme anti covid-19: dovrà pagare una multa di 400 euro.

L’operaio indossava una mascherina ffp2 “non conforme”: ne aveva ritagliato la parte centrale, allo scopo di esporre naso e bocca. Secondo quanto accertato dai carabinieri, il comportamento dell’uomo aveva uno scopo canzonatorio: è convinto che le mascherine non servano e che rispettare le misure di sicurezza contro il Covid-19 sia un comportamento da pecore.

Il suo scetticismo non gli ha evitato la multa: i carabinieri gli hanno fatto notare che sarebbe stato libero di esprimere le proprie opinioni, ma con una mascherina regolamentare sulla faccia, dentro al negozio.

https://www.linkoristano.it/wp-content/uploads/2021/03/WhatsApp-Video-2021-03-10-at-10.25.54.mp4

Mercoledì, 10 marzo 2021

L'articolo In un negozio vestito da pecora e con mascherina bucata: multato sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.