La Sardegna rimarrà in zona arancione e il suo indice Rt schizza da 1,03 di sette giorni fa a 1,18. È quanto emerge nell’ultimo report, quello prima del ponte pasquale con tutta l’Italia in zona rossa, dell’Istituto superiore di Sanità. I dati, come riporta anche il nostro giornale partner “Il Giorno”, vedono l’Rt dell’Isola fare un vero e proprio balzo in avanti. E la nostra regione finisce tra le sette con un’ “alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane” insieme a Campania, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, la provincia autonoma di Trento. Insomma: zona arancione garantita anche per le prossime tre settimane. Per “sperare” nella zona bianca, infatti, bisogna avere ben altri dati, nettamente inferiori a quelli attuali, per almeno ventuno giorni. Ecco, intanto, i dati di tutte le regioni già disponibili.

 

La Sardegna a 1,18, poi Abruzzo, 0.81; Basilicata, 1.15; Calabria, 1.33; Campania, 1.33; Emilia Romagna, 0.83; Friuli Venezia Giulia, 0.98; Lazio, 0.98; Liguria, 1.02; Lombardia, 0.89; Marche, 1.04; Molise, 1; Piemonte, 0.96; provincia autonoma di Bolzano, 0.8; provincia autonoma di Trento, 0.83; Puglia, 1.09; Sicilia, 1.08; Toscana, 1.08; Umbria, 0.83; Valle d’Aosta, 1.52; Veneto, 1.12.

L'articolo In Sardegna l’indice Rt schizza a 1,18: è tra i più alti d’Italia proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.