“In Italia non ci sono situazioni critiche sul Coronavirus”, si va dunque verso il via libera di Iss e governo a qualunque arrivo in Sardegna. Sono arrivati gli indici Rt dei contagi, nessuna Regione è a rischio: il report del Ministero della Salute sembra preludere al sì agli spostamenti liberi tra Regioni. A questo va aggiunto che dal 3 giugno la circolazione sarà libera tra i Paesi dell’Ue: quindi salvo sorprese o stop di Solinas in Sardegna arriveranno tutti, dagli stranieri ai milanesi.

Altrimenti ci sarebbe una chiara incongruenza: viaggerebbero gli stranieri e non gli italiani, peraltro con questi dati positivi. La Sardegna ha un indice Rt: 0.51 (CI: 0.22-0.82), la cosiddetta incidenza cumulativa è 82.09 per 100000e l’incidenza è 0.37 per 100000. Nessuna Regione italiana supera i parametri massimi di rischio indicati dal ministero della salute, anche la Lombardia è dunque considerata sotto controllo. E la grande estate turistica della Sardegna potrà iniziare: non resta che incrociare le dita, e attendere le prossime mosse di Solinas che continua a chiedere un test di negatività. Una richiesta, quella della Sardegna, che però è rimasta praticamente isolata.

L'articolo “In Italia non ci sono situazioni critiche”, verso il via libera di Iss e governo a qualunque arrivo in Sardegna proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.