n Italia continua a salire il numero dei contagiati giornalieri dal Coronavirus: nelle ultime 24 ore se ne registrano 629, contro i 574 di ieri, con quattro morti. Dai dati del ministero della Salute il numero più alto di nuovi casi si registra in Veneto (120), seguito da Lombardia (94) ed Emilia-Romagna (71). Solo in Trentino e Valle d’Aosta non si sono registrati nuovi casi. I tamponi effettuati sono stati 53.123, in crescita rispetto ai 46.723 di ieri. Sempre più alta l’attenzione sul bollettino del Ministero della Salute, che quotidianamente aggiorna sull’andamento dell’epidemia, con i dati su casi totali, attualmente positivi, morti, guariti, ricoveri e terapie intensive. I timori sono legati soprattutto a vacanze e ferie estive, tra rientri dall’estero e rischi di assembramento nelle discoteche, per le quali è scattato il primo giro di vite. Intanto in Europa e nel resto del mondo la pandemia avanza, con gli Stati Uniti che vedono l’ennesima giornata con più di 60mila contagi e con il dato sulle vittime ancora molto alto: oltre 1.300. La notizia completa qui: https://www.quotidiano.net/cronaca/coronavirus-bollettino-italia-15-agosto-1.5418527

L'articolo In Italia aumentano i casi di Coronavirus: 629 nuovi positivi e quattro morti proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.