A Genova, una è incinta. Automobilista scappato poi rintracciato

(ANSA) - GENOVA, 25 OTT - Spaventoso incidente ieri sera a Genova, nel quartiere di Quezzi, in piazzetta Pedegoli. Un giovane è piombato con la macchina a tutta velocità travolgendo un gruppo di ragazzi, alcuni minori. Quattro i feriti, di cui due ragazze di 16 e 17 anni - una incinta - si trovano ora in gravissime condizioni negli ospedali genovesi di Villa Scassi e San Martino. Una rischia l'amputazione della gamba.

Il giovane proprietario dell'auto, un 23enne, è stato fermato, sottoposto ai test tossicologici, e viene interrogato in questura. Secondo alcuni testimoni in macchina ci sarebbero state più persone, per questo il pubblico ministero Daniela Pischetola ha chiesto ulteriori accertamenti alla polizia municipale. Rintracciato verso le quattro del mattino poco distante da casa, il ragazzo aveva in tasca le chiavi della vettura, posteggiata sotto l'abitazione.

Quando la Bmw è piombata a tutta velocità nella piazzetta ha travolto uno scooter e il gruppo di giovani, che stava chiacchierando. Nello scontro lo scooter ha preso fuoco e alcuni residenti sono scesi in strada per spegnere le fiamme e prestare soccorso. Il guidatore ha ripreso la guida ed è scappato. Nella fuga ha però perso la targa grazie alla quale è stato identificato (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.