La zona è quella di San Michele è “da circa un anno che stiamo chiedendo che qualcuno ci ascolti – spiega Valeria a Radio CASTEDDU – perché non possiamo affacciarci alle finestre di casa: la situazione è di estremo degrado. Ieri, per aver aperto la finestra per far arieggiare casa, è entrato un topo abbastanza grande. Ho anche dei minori a casa.  Abbiamo chiesto più volte di essere ascoltati, di intervenire e sinora nessuno si è visto, non sappiamo più come comportarci. Ieri ho mandato un messaggio anche al sindaco di Cagliari e all’assessora Deidda ma non mi hanno risposto; una mia vicina ha contattato le istituzioni più volte e inviato le foto per far vedere il degrado in cui viviamo tra fogne e immondezza ma nulla: è impossibile vivere. C’è tra l’altro anche la carcassa di un’auto bruciata.Non stendo la roba perché l’aria è irrespirabile, ci sono persone anche anziane da questa parte del palazzo popolare che si affaccia dove c’è il cortile: abbiamo bisogno che qualcuno si faccia carico di questa situazione”.Risentite qui l’intervista di Paolo Rapeanu e Gigi Garauhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/509967140044660/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.