Il ricorso di un comitato per i diritti costituzionali respinto dai giudici amministrativi conferma come la Regione sia sulla buona strada quando impone i controlli precauzionali agli ingressi

CAGLIARI. «Proprio l’attuale classificazione della Sardegna come zona bianca giustifica la previsione di strumenti precauzionali come quelli introdotti dalla Regione»: a sostenerlo è il Tar nell’ordinanza con la quale è stato respinto il ricorso cautelare presentato dagli avvocati Francesco Scifo e Linda Corrias per conto del Comicost, Comitato per le libertà costituzionali e 79 cittadini, quasi tutti della penisola, che si sono aggiunti all’iniziativa legale attraverso gli studi degli avvocati Laura Mana e Monica Seri.

Con una decisione fulminea, cui seguirà la trattazione del merito, i giudici amministrativi – presidente Dante D’Alessio, estensore Tito Aru, consigliere Gianluca Rovelli – hanno confermato come la Regione sia sulla strada giusta quando impone precauzioni e limiti per evitare che si ripeta nelle giornate di Pasqua una pericolosa invasione turistica come quella dell’estate 2020.

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.