Il prefetto blocca il lockdown deciso dal sindaco di Paulilatino
Contestata la violazione di norme, anche quelle sull’emergenza coronavirus

Si blocca il lockdown disposto dal sindaco Domenico Gallus a Paulilatino, dove oggi si vota per il rinnovo dell’amministrazione comunale, in un clima non certo sereno.

Il prefetto di Oristano Gennaro Capo ha contestato formalmente il provvedimento con una nota ufficiale nella quale formula osservazioni precise: il sindaco Gallus è andato oltre i limiti previsti dalle sue funzioni e dalla normativa statale, incidendo su alcuni diritti sanciti dalla Costituzione come quelli della circolazione, dell’istruzione e del voto.

Al prefetto si era rivolto il candidato sindaco della lista concorrente, Mariano Cuscusa.

Gennaro Capo

Dal canto suo Gallus ha dovuto prendere atto dell’intervento del prefetto di Oristano. Il sindaco ha reso noto che i risultati dei cento tamponi eseguiti dopo i contagi all’origine del provvedimento di lockdown hanno consentito di accertare due positività al coronavirus, portando il totale nel paese a dieci, mentre si è in attesa delle verifiche su alcune positività ai test antigenici eseguiti sull’80% delle famiglie.

Domenica, 25 ottobre 2020

L'articolo Il prefetto blocca il lockdown deciso dal sindaco di Paulilatino sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.