“Non possiamo evitare la morte, e proprio per questo, dopo aver fatto tutto quanto è umanamente possibile per curare la persona malata, risulta immorale l’accanimento terapeutico” ma “dobbiamo però stare attenti a non confondere questo aiuto con derive anch’esse inaccettabili che portano all’eutanasia”.  Lo ha detto Papa Francesco nel corso dell’udienza generale del mercoledì in Aula Paolo VI, proprio nel giorno in cui in parlamento riprende l’iter della proposta di legge sul fine vita. “Dobbiamo essere grati per tutto l’aiuto che la medicina si sta sforzando di dare, affinché attraverso le cosiddette “cure palliative”, ogni persona che si appresta a vivere l’ultimo tratto di strada della propria vita, possa farlo nella maniera più umana possibile. Dobbiamo accompagnare alla morte, ma non provocare la morte o aiutare il suicidio assistito – ha aggiunto -. Ricordo che va sempre privilegiato il diritto alla cura e alla cura per tutti, affinché i più deboli, in particolare gli anziani e i malati, non siano mai scartati. Infatti, la vita è un diritto, non la morte, la quale va accolta, non somministrata. E questo principio etico riguarda tutti, non solo i cristiani o i credenti”.

Una posizione ferma, ribadita dal pontefice mentre la discussione è in corso in parlamento due mesi dopo l’ultimo dibattito e a una settimana dalla data del 15 febbraio, quando sarà la Corte costituzionale a dovere discutere e quindi pronunciarsi sull’ammissibilità del referendum sull’eutanasia legale insieme a quelli su cannabis e giustizia. Oggi a Montecitorio inizia forse già a il voto sugli oltre 200 emendamenti, la maggior parte del centrodestra che punta a restringere le maglie della legge.

L'articolo Il Papa chiude all’eutanasia: “Inaccettabile, non c’è il diritto alla morte” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.