Il mondo trema sotto la minaccia della Russia di usare il nucleare. Su Telegram Dmitry Medvedev, vice presidente del Consiglio di sicurezza nazionale della Russia, lo dice senza giri di parole: per difendere i referendum sull’annessione del Donbass e degli altri territori useremo tutte le armi a nostra disposizione, compreso il nucleare. Quanto la minaccia sia reale e quanto invece si tratti di una strategia del terrore nessuno lo sa. Ma di sicuro è un’uscita che alza il livello del conflitto. I referendum sono in programma domani.

Intanto in Russia, il giorno dopo l’annuncio della convocazione di 300mila giovani in guerra da parte di Putin, continua la grande fuga da Mosca, mentre il presidente della Duma chiede ai deputati “con i requisiti” di dare il buon esempio e arruolarsi.

Quasi una beffa, a pochi giorni dalle elezioni politiche italiane, l’ambasciata russa pubblica le foto di tutti, ma proprio tutti, i leader politici italiani con Putin, quasi a voler ricordare che anche chi oggi prende pesantemente le distanze ha avuto a che fare con lui.

L'articolo Il mondo trema per la minaccia della Russia: “Pronti a usare il nucleare” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.