Macomer

I deputati sardi Cappellacci e Pittalis hanno presentato un’interrogazione parlamentare

“Occorre un intervento tempestivo per scongiurare la chiusura del Giudice di Pace di Macomer. Sarebbe un segnale negativo di desertificazione istituzionale del territorio”. L’appello arriva dai deputati sardi Ugo Cappellacci e Pietro Pittalis. I due esponenti di Forza Italia hanno presentato un’interrogazione parlamentare, chiedendo l’intervento urgente della ministra della Giustizia Marta Cartabia.

“L’ufficio”, ricordano Cappellacci e Pittalis, “è stato riaperto nel 2017 grazie all’impegno dell’Unione dei Comuni del Marghine”.

“Gli stessi sindaci”, scrivono ancora i due deputati di Forza Italia, “si rimettono ora al Ministero perché la soluzione è diventata insostenibile sia a causa della carenza di personale, sia perché in seguito all’apertura del centro permanente per i rimpatri il carico di lavoro risulta aggravato rispetto alle previsioni iniziali”.

“Già nel 2020 Forza Italia aveva lanciato un primo allarme con un’interrogazione rivolta all’allora ministro Bonafede. Le preoccupazioni di allora erano più che fondate”, concludono Cappellacci e Pittalis, “e ora si è dinanzi ad una vera emergenza”.

Martedì, 3 agosto 2021

Se ritieni che questa notizia possa essere integrata con ulteriori informazioni o con foto e video inviaci un messaggio al numero Whatsapp 331 480 0392

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.