Non c’è, purtroppo, il lieto fine per quanto riguarda l’Iveco Daily rubato, venerdì pomeriggio, in via Alghero a Cagliari. Il mezzo, di proprietà di Massimiliano Nurchis, elettricista quartese, gli era sparito da sotto il naso nel giro di pochi secondi. Stava scaricando del materiale quando, qualcuno, è riuscito a mettere le mani sul volante e a scappare. Dentro c’era attrezzatura per un valore di circa 3500 euro. Ieri sera l’amarissima scoperta: “I carabinieri l’hanno ritrovato, incendiato e distrutto, nelle campagne di Villaspeciosa. Mi hanno subito avvisato”, spiega Nurchis, che sino all’ultimo ha sperato di poterlo ritrovare integro. “Per me è un’ulteriore mazzata, una beffa. Adesso, infatti, dovrò pagare un carro attrezzi perchè lo sposti dalle campagne e, poi, farlo demolire. Ho già chiesto dei preventivi, dovrò spendere diverse centinaia di euro”. È incredulo, l’elettricista quartese, e molto triste: “Non mi era mai capitato nulla di simile, non ho idea di chi possa essere stato”.“Ho sempre svolto il mio lavoro onestamente, senza disturbare nessuno”. Adesso, prima di poter tornare a lavorare, Nurchis dovrà procurarsi un nuovo furgone.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.