Il dolce Archie è morto, non ci sono più speranze: stop alle macchine che lo tenevano in vita da quattro mesi. I medici  hanno staccato le macchine che tenevano in vita il ragazzino inglese di 12 anni, in coma vegetativo dallo scorso 7 aprile, quando fu vittima di un incidente domestico. Tutti i dettagli sul nostro giornale partner Quotidiano.net:  “L’interruzione della ventilazione artificiale è iniziata dopo le 11 (ora italiana). La morte di Archie è stata annunciata dalla madre Hollie Dance : “Un bambino cosi’ bello. Ha combattuto fino alla fine”, ha detto la donna ai cronisti fuori dall’ospedale.

A niente sono serviti gli appelli della stessa  Hollie Dance , che a gran voce aveva chiesto di non spegnere il macchinario che fa respirare Archie, aggrappandosi a quelle parole: la morte delle cellule cerebrali di Archie è  “altamente probabile” , ma non certa.  L’ospedale dove Archie era ricoverato, il London Royal Hospital , aveva “chiarito che non abbiamo più opzioni”, aveva detto Hollie ai microfoni di Sky News, “distrutta” per non avere più vie legali”. E per il dolce Archie, purtroppo, non c’è stato piu’ niente da fare.

L'articolo Il dolce Archie è morto, non ci sono più speranze: stop alle macchine che lo tenevano in vita da quattro mesi proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.