C’è un secondo paziente in terapia intensiva all’ospedale Santissima Annunziata di Sassari. Si tratta di un dipendente del Sottovento, il locale di Porto Cervo chiuso due giorni fa dopo che era stato accertato un primo caso di positività al Coronavirus. Si tratta di un uomo di cinquantasei anni: le sue condizioni sono giudicate, dai medici, gravi, ragion per cui è stato intubato per garantirgli la ventilazione assistita. Nello stesso ospedale si trova anche il gestore del locale, ma le sue condizioni non sono gravi. Continuano ad essere serie, invece, quelle del dipendente sessantenne del Billionaire. Un altro ricoverato, “per il quale però si deve parlare di una situazione differente”, cioè non in gravi condizioni, è un turista che era in vacanza prorpio nella Costa Smeralda che, sempre più, sta “tremando” a causa dei casi di Coronavirus.

 

Intanto, sono attesi per domani i primi risultati sui tamponi effettuati a tutto il personale (circa 150 persone) del camping Isuledda. Lì, nei giorni scorsi, sono stati registrati dei casi di Covid-19 tra i vacanzieri. Tutti i positivi, però, sono stati subito messi in isolamento o, comunque, si trovano ben distanti dalla struttura di Santo Stefano.

L'articolo Il Covid fa tremare la movida della Costa Smeralda, intubato anche un dipendente del Sottovento proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.