“Il Coronavirus non è in vacanza, i gestori delle discoteche sarde devono assumere steward e guardie giurate per far rispettare i distanziamenti ed evitare gli assembramenti e i comportamenti scorretti da parte dei giovani”. A dirlo è il sindaco di Quartu, Stefano Delunas, a poche ore dall’ordinanza regionale firmata da Christian Solinas che permette i balli e le serate solo nelle discoteche all’aperto. “Sarebbe stato meglio proseguire con le precauzioni, ma si è verificato un corto circuito tra Governo e Regione che ha creato tantissime difficoltà ai gestori delle discoteche all’aperto, avevano già programmato serate e firmato contratti con artisti e dj, si sarebbe creato un danno economico impressionante”, osserva Delunas. “Nessuno vuole penalizzare gli operatori turistici e dello spettacolo, ma mi rendo conto che la responsabilità di far rispettare le prescrizioni di Conte è dei gestori, che dovranno far divertire tutti in sicurezza”. Come? “Con steward e guardie giurate. Devono fare uno sforzo organizzativo, il Coronavirus non è in vacanza”.

 

“Devono organizzarsi al meglio per evitare assembramenti e che pochi giovani possano compromettere una serata. C’è un rischio di una deriva, di comportamenti scorretti da parte dei giovani, lo vediamo sia a livello nazionale sia locale, come nel caso di Carloforte. Serve molto senso di responsabilità”. In ultimo, il sindaco quartese invita i gestori dei locali “a regalare mascherine ai giovani che non ce l’hanno, anzichè mandarli via”.

L'articolo “Il Coronavirus non è in vacanza, guardie nelle discoteche sarde per evitare assembramenti di ragazzi” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.