Casa Bianca starebbe valutando invio dosi conservate negli Usa

(ANSA) - BRASILIA, 12 MAR - L'Agenzia nazionale di sorveglianza sanitaria del Brasile (Anvisa) ha annunciato oggi l'approvazione dell'uso definitivo del vaccino di Oxford. Così, il farmaco del laboratorio britannico AstraZeneca è diventato il secondo a ricevere un'autorizzazione permanente, dopo quella concessa il 23 febbraio al vaccino Pfizer.

Il registro definitivo risulta da una "valutazione completa basata su dati più robusti degli studi di qualità, efficacia e sicurezza, nonché al riguardo della mitigazione del rischio", ha affermato Gustavo Mendes, direttore dei Prodotti biologici di Anvisa. Finora in tutto il gigante sudamericano sono stati immunizzati 9,2 milioni di persone.

Intanto è emerso che il governo americano starebbe valutando di inviare in Brasile milioni di dosi del vaccino di Oxford che sono conservate negli Stati Uniti, secondo quanto riporta oggi il quotidiano Folha de S. Paulo citando il New York Times. "La destinazione che verrà assegnata è oggetto di un intenso dibattito alla Casa Bianca" e finora non è stato deciso se il Brasile sarà uno dei Paesi che lo riceveranno, scrive Folha.

(ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.