Storico sindacalista di Selargius, Cordeddu ha intrapreso per protesta, da domenica, lo sciopero della fame. A Radio CASTEDDU spiega: “Sono due giorni che non mangio e si iniziano a sentire. Da parte delle istituzioni, nel frattempo, nessuna risposta: mi hanno risposto degli amici politici che stanno presentando anche interrogazioni, ma per quanto riguarda gli amministratori dell’Ats e i politici della giunta non si è sentito nessuno. La piattaforma non mi fa registrare, ho esenzione totale e mille patologie: la cosa tragica è perché non stanno chiamando persone che sono in una situazione drammatica: sono fragili e sono costrette, per non morire, poiché se vengono contagiate muoiono, a rinunciare al lavoro.Io lo sto facendo per me ma soprattutto per le persone che non hanno la possibilità di contattare giornalisti, testate e media in generale, per far capire la situazione drammatica che c’è in Sardegna e l’incoscienza della nostra classe politica, degli amministratori. Ho dato mandato al mio avvocato di  fare un esposto in procura:  se ci lascio le penne, sicuramente, i magistrati  andranno a cercarli”.Risentite qui l’intervista a Ignazio Cordeddu del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/186463723194640/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.