Cagliari, denunciato un 30enne che il 2 gennaio aveva insultato l'operatore sanitario addetto al triage

CAGLIARI. E’ stato identificato dalla Squadra Mobile di Cagliari l’uomo che la mattina del 2 gennaio scorso ha dapprima minacciato e poi aggredito a schiaffi un infermiere in servizio al Pronto Soccorso dell’ospedale Brotzu. L’uomo, un commerciante cagliaritano di 30 anni, si era presentato al Pronto Soccorso insieme alla moglie per accompagnare la figlia minorenne, bisognosa di cure.

Secondo la ricostruzione degli investigatori della terza sezione della Mobile, il trentenne, senza apparenti motivi, mentre era in attesa, si è scagliato contro l’infermiere addetto al triage, colpendolo con alcuni schiaffi e facendogli cadere il telefono di servizio con il quale, in quel momento, stava chiamando il reparto di Pediatria, per chiedere un consulto medico proprio per la figlia dell’aggressore.

Il trentenne, spacciandosi per un appartenente alle forze dell’ordine, aveva minacciato anche la guardia giurata del Pronto Soccorso, intervenuta per bloccarlo. Il trentenne è stato denunciato per violenza, lesioni e minacce a incaricato di pubblico servizio.(l.on)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.