Terralba

Il sindaco Pili valuta l’implementazione del sistema di videosorveglianza

Dopo il fuoco, l’inchiostro. Tornano i vandali negli spogliatoi del campo sportivo dell’oratorio “San Luigi” di via Sardegna, a Terralba, i cui muri sono stati imbrattati con scritte e disegni osceni.

Una brutta sorpresa per l’associazione che utilizza la struttura di proprietà della parrocchia e in generale per tutta la comunità, soprattutto se si considera che i muri erano stati sistemati e ritinteggiati recentemente, proprio in seguito a un precedente raid vandalico, avvenuto nell’aprile dello scorso anno.

In quell’occasione era stato appiccato fuoco ed erano stati danneggiati in modo serio i locali. Alcuni volontari e l’amministrazione comunale erano intervenuti per ripristinare la struttura.

Un aiuto alla parrocchia e alla comunità che sarà dato anche questa volta, ma il sindaco Sandro Pili si è detto pronto a incrementare la videosorveglianza: “Proprio in quel punto della via non sono presenti telecamere, ma valuteremo l’implementazione”.

Terralba - vandali spogliatoi campo sportivo
Il passaggio dei vandali

Giovedì, 20 gennaio 2022

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.