Parola d’ordine? Dita incrociate. Franco Lai è uno dei tanti ristoratori della Marina, a Cagliari, che ha riaperto dopo quasi tre mesi di lockdown e incassi pari a zero. Dentro la sua locanda i tavolini sono pochi, “tutti da due, per chi preferirà stare all’interno”, la maggior parte sono posizionati fuori. Adesso mancano solo i clienti: “Tra poco arriverà la prima crociera, i voli sono quelli che sono. Conto sui cagliaritani, spero che non abbiano perso la voglia di uscire e che non si sia tutto afflosciato in questi ultimi mesi”, afferma Lai. “Ho già ricevuto delle prenotazioni, i clienti sono già preparati e hanno chiesto solamente informazioni sugli orari. Io, preventivamente, gli ho fornito le altre informazioni”, ovviamente legate a distanze e dispositivi di protezione individuale da indossare per poter mangiare una fregola con arselle o una bistecca di manzo.Ma il punto cruciale rimane quello dei vacanzieri: “Rappresentano una voce importante, quando si parlerà di ferie e di arrivi potremo davvero tirare le somme”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.