Oristano

Troppe incertezze sui progetti alternativi alla pesca, mentre sta per scattare il blocco

Lo stop alla pesca del riccio per 3 anni è dietro l’angolo – la data fissata è sabato – ma i ricciai potrebbero non vedere gli indennizzi prima di ottobre e per questo annunciano “manifestazioni eclatanti”.

“Non possiamo stare senza un pezzo di pane per le nostre famiglie”, spiega David Bichi, presidente dell’Unione dei pescatori subacquei professionisti di Oristano. “A causa dei tempi tecnici e burocratici di mamma Regione ci troviamo la chiusura della pesca alle porte e un progetto non ancora definito per la nostra remunerazione o sussidio: non c’è nulla nero su bianco”.

I pescatori avrebbero dovuti essere impiegati in lavori di monitoraggio che avrebbero dovuto compensare il mancato guadagno derivato dalla vendita dei ricci. “Si tratterebbe di duecento pescatori che non possono portare il pane a casa”, denuncia Bichi, “abbiamo famiglia e pagamenti da rispettare”.

Nei giorni scorsi le associazioni di categoria hanno prodotto un documento inviato al presidente Solinas e all’assessora Murgia, chiedendo che la sospensione venga rinviata e subordinata alla pianificazione delle attività di monitoraggio da far svolgere agli operatori.

“Attendiamo una risposta e se non l’avremo siamo pronti a manifestazioni eclatanti”, annuncia Bichi, che insieme ai colleghi ricciai è pronto a portare la propria barca a Cagliari, davanti alla sede dell’assessorato all’Agricoltura.

“I ricciai non sono sfavorevoli alla chiusura”, conclude Bichi, “ma favorevoli se ben gestita. Vorremo ricordare che la proposta era stata avanzata da noi. La legge è stata servita su un piatto d’argento dagli operatori”.

david bichi
David Bichi

Mercoledì, 19 gennaio 2022

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.