“Abbiamo già chiesto al Governo di bloccare gli sbarchi e di rendere effettivi i rimpatri, ora è urgente far rispettare le norme sulla quarantena e fermare la fuga dei migranti dai centri di accoglienza”. Così Ugo Cappellacci, deputato e coordinatore regionale di Forza Italia, annuncia la presentazione di un’interrogazione al ministro dell’Interno. “Alla luce dei primi casi di positività già registrati– prosegue Cappellacci-, è evidente che la violazione da parte dei migranti delle disposizioni sulla quarantena è gravissima e rappresenta un pericolo per la salute pubblica. La situazione, già denunciata dal sindacato autonomo di Polizia, è balzata altresì all’onore delle cronache, tanto che sui media sono state pubblicate perfino le fotografie degli ospiti del centro mentre scavalcano il muro di cinta del centro di accoglienza. E’ singolare – prosegue Cappellacci- che, mentre per altre Regioni la quarantena dei migranti avviene su una nave, in Sardegna invece sia prevista sulla terraferma e poi in concreto non venga svolta. Il fatto che, mentre un’intera comunità tenta di uscire a fatica da 3 mesi di lockdown e si avvia verso una normalizzazione della situazione sanitaria, si violino palesemente le norme sulla quarantena, è di inaudita gravità e configura responsabilità ben individuate o bene individuabili. Per questo – ha concluso Cappellacci- chiediamo al ministro dell’Interno quali azioni intenda porre in essere per garantire il rispetto delle disposizioni sulla quarantena da parte dei migranti provenienti in Sardegna”.

L'articolo “I migranti in quarantena in fuga dal centro di accoglienza di Monastir: gravissimo” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.