I medici: test subito per tutto il personale sanitario a Oristano
Durissimo documento dell’Ordine e di cinque sindacati: “Ritardi scandalosi”

“È scandaloso che non si sia ancora avviata una estensione dei tamponi a tutto il personale sanitario ospedaliero del San Martino, così come si è verificato al Policlinico Universitario di Cagliari”. L’Ordine dei medici di Oristano e cinque sindacati di categoria ripartono all’attacco, dopo le “ultime giornate segnate dall’insicurezza operativa”, e in un durissimo documento chiedono “procedure di prevenzione rivolte a tutelare la salute degli operatori e quella dei cittadini utenti”.

“Oristano è sempre considerata l’ultima ruota del carro, con mancanza di dispositivi di protezione individuali e un laboratorio sottodimensionato in termini di personale e di attrezzature, con la scarsità di ausili che continuamente risultano insufficienti a coprire le esigenze impellenti del momento”, scrivono Ordine e sindacati. “Ignoriamo la realtà della situazione sul Covid19 nel nostro territorio per quanto riguarda la percentuale di accertamenti fatti, sia il numero di persone sottoposte a controllo.”

“È in ogni caso improrogabile l’esigenza di sottoporre allo screening tutto il comparto del presidio ospedaliero San Martino, e i pazienti in ingresso, e procedere poi su tutto il personale sanitario del territorio, sia pubblico che privato. Risulta ormai evidente che sono i luoghi dove il contagio è più facile e pericoloso. Ci riferiamo anche alle strutture private come il Centro di riabilitazione Santa Maria Bambina, la Casa di cura Madonna del Rimedio, l’RSA di Milis, i Centri di riabilitazione e le Case di riposo per anziani, che sono i più esposti, oltre che i più fragili, al contagio del coronavirus.”

Prosegue il documento: “Chiediamo se necessario il coinvolgimento dell’Esercito, come avvenuto anche a Sassari. Non accettiamo che la nostra provincia, già depotenziata di servizi e professionalità, debba essere ancora una volta lasciata in balia di iniziative farraginose, che non portano soluzioni proficue e risolutive.”

“Stiamo vivendo il momento più pericoloso per l’avanzare dei contagi, che finora non sono stati arginati in modo deciso e con metodi validi, prova ne sia l’aumento delle ultime ore. Seguiamo l’esempio del Veneto e della Puglia, dove la procedura dei tamponi a tutti ha dato risultati significativi e rilevanti. Dobbiamo assolutamente agire a livello preventivo, in quanto il picco, in Sardegna, si verificherà, a detta degli esperti, a fine mese, prima di rischiare un tracollo sanitario insieme a quello economico.”

Non meno dura la chiusura: “C’è da combattere, oltretutto, con la tracotanza e l’ignoranza di chi sottovaluta la situazione che abbiamo davanti a noi, provocando eventi che possono diventare irreparabili”, scrivono Ordine e sindacati dei medici. “Insistiamo con forza e determinazione a chiedere a gran voce a chi ci amministra un intervento efficace e risolutivo, onde evitare che le cose precipitino e diventino irreversibili, perché sappiamo bene che prevenire è meglio che curare con la povertà di mezzi di cui disponiamo.”

Oltre che dall’Ordine dei medici, il documento-denuncia è firmato da Aaroi-Assomed, Anaao–Assomed (medici dirigenti), Cimo–Fesmed (medici .dirigenti), Fimmg (medici di medicina generale), Snami (sindacato autonomo medici), Snr (radiologi)

Sabato, 21 aprile 2020

L'articolo I medici: test subito per tutto il personale sanitario a Oristano sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.