Nuova impennata dei contagi da Covid in Italia con numeri che non si vedevano da inizio aprile, nonostante il boom delle vaccinazioni, e soprattutto delle prime dosi per l’entrata in vigore del super green pass e dei booster, ovvero le terze dosi. Nelle ultime 24 ore i casi registrati hanno superato le 20mila unità, attestandosi a quota 20.497 a fronte di 716.287 tamponi. Il tasso di positività è al 2,9%. Lo evidenzia l’ultimo bollettino del ministero della Salute. Crescono anche i decessi: ne sono stati registrati 118 in 24 ore per un totale da inizio pandemia che raggiunge quota 134.669. In aumento anche i numeri degli ospedali. Le terapie intensive in totale sono 816, +5 rispetto a giovedì a fronte di 76 ingressi giornalieri. I ricoveri ordinari in totale sono 6483, +150 in 24 ore.

In aumento gli attualmente positivi: in totale in Italia sono 263.148, +8.595 in 24 ore. Oggi il Ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza per il passaggio in zona gialla della Calabria, che raggiunge così il Friuli Venezia Giulia e la provincia di Bolzano, mentre potrebbero essere 6 le regioni in zona gialla per Natale. Solo il Molise è classificato a rischio basso: tutte le altre, Sardegna compresa, sono a  rischio moderato.

L'articolo I contagi in Italia sfondano quota 20mila, mai così tanti da aprile: i morti sono 118 e aumentano i ricoveri proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.