Le storie dei buttafuori cagliaritani a Radio CASTEDDU:Armando Argiolas e Mirko Etzi raccontano la grave crisi che imperversa nel loro settore.È una vera e propria industria che ruota intorno al mondo notturno: “Siamo completamente fermi – spiega Armando Argiolas – è un danno grandissimo perché ci sono famiglie che mangiano e si approvvigionano di questo, è una situazione veramente difficile”. Oltre al danno anche la beffa: il boom dei contagi avvenuti l’estate scorsa è stato attribuito alle discoteche “ma è una accusa ingiusta perché da noi sono state effettuate tutte le precauzioni anti covid, ci sono stati più controlli all’interno della discoteca che all’esterno o nelle feste private”.I Ristori? “Il problema è che non è arrivato niente, io lavoro per un’agenzia d’investigazione, il governo ci ha chiesto di essere regolari e siamo tutti buttafuori decretati che pagano le tasse. La pandemia non è colpa di nessuno però non è neanche giusto che non sia stato dato un minimo di sussidio per quello che è successo”.Mirko Etzi: “Ritornare a lavorare sarebbe una follia in questo momento, la speranza è che la prossima estate possa andare  meglio. Noi non possiamo accedere a nessun tipo di ristoro perché la nostra categoria Ateco  deve stare sempre operativa” .Risentite qui l’intervista a Armando Argiolas e Mirko Etzidel direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/250819299821873/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.