I centoventinove milioni di euro spariscono dal progetto della metropolitana di Quartu, Quartucciu e Selargius e finiscono dritti dritti dalle parti di Sestu, per creare un collegamento tra il Policlinico universitario di Monserrato e la città amministrata dalla sindaca Paola Secci. Effetto, anche, dei “no” e dei ritardi conseguenti nel trovare un percorso condiviso tra le altre amministrazioni comunali. La decisione è stata presa dalla Città Metropolitana, e per il Comune amministrato da Graziano Milia bisogna ripartire, quasi, da capo. L’ok per la metro in viale Marconi rimane, ma non proprio nel viale: le ipotesi? Convogli che corrono accanto al canale di Mammarranca o su una sopraelevata, queste le ipotesi in campo. Piccolo problema: ora bisogna trovare i soldi. Milia ha ripreso in mano l’obbiettivo di unire Cagliari e Quartu e viceversa con la metro, ma con lo spostamento dei 129 milioni bisogna raccattare denari da altre parti. E il sindaco Graziano Milia è netto: “Amministriamo la terza città della Sardegna, ci sentiamo partecipi di uno scenario molto più grande di quelli che sono i nostri confini comunali, non siamo irresponsabili”. A chi allude Milia? Dirlo con certezza è impossibile, ma sembra essere una stoccata a chi ha pronunciato, a livello ufficiale, un “no” al percorso della metro oltre Cagliari.

 

“Se ci viene detto, come ci è stato detto, che tutto ciò che è stato programmato e condiviso da altri Comuni non è realizzabile e si perdono finanziamenti, noi siamo pronti a tutelarli, utilizzandoli per altre tratte realizzabili in tempi adeguati. Però pongo un problema: occorre lavorare da subito, e col sindaco di Cagliari Paolo Truzzu abbiamo già iniziato a farlo, per dare una risposta al collegamento tra Cagliari e Quartu, il più grosso dal punto di vista della mobilità. Ho rilanciato la proposta di un collegamento diretto, già dai prossimi giorni cercheremo di metterci nelle condizioni di accedere ai finanziamenti del Pnrr, facendo tesoro degli errori fatti nel passato”. Ecco, i soldi. Milia spera di ottenere i milioni utili a far correre la metro da e per Quartu dal Programma nazionale di ripresa e resilienza: “Originariamente si doveva lavorare solo sul collegamento diretto tra Cagliari e Quartu, a tanti sfuggono i motivi che hanno portato, negli ultimi quindici anni, a lavorare su altre tratte più complesse e difficili, coinvolgendo molti Comuni con collegamenti antieconomici e non funzionali. Col tracciato originario, infatti, da Quartu a Cagliari si sarebbero dovuti impiegare 55 minuti con la metro, inaccettabile. Lavorerò e vigilerò per fare in modo che tutto vada come deve andare. Non sono particolarmente soddisfatto”, riconosce il sindaco, “ma so che siamo anche nelle condizioni, come città, per poter dire la nostra”.

L'articolo I 129 milioni della metro a Sestu, tutto da rifare per Quartu: “Cercheremo fondi per farla arrivare in città” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.