Ventiquattr’ore di fuoco, tra telefonate e aggiornamenti continui. I 350 autotrasportatori sardi pronti a fermarsi da lunedì prossimo attendono la fine di una conferenza Stato-Regioni per capire se, dopo il weekend, dovranno spegnere i motori. Cosa sta succedendo? I titolari delle aziende sono in attesa dei risultati dell’incontro, per capire se fare un eventuale passo indietro. Le proposte arriveranno non prima della tarda serata di oggi e saranno discusse, sabato dodici marzo, dalle 11, in un nuovo summit a Tramatza. Sul piatto, ovviamente, c’è la questione del caro-gasolio: è schizzato sino a 2,50 euro al litro, gli autotrasportatori non riescono più a far quadrare i conti. Da qui la minaccia del blocco delle consegne.“Attendiamo che notizie e comunicazioni arriveranno, è chiaro che vogliamo fatti concreti e non promesse”, spiega a Casteddu Online uno dei rappresentanti degli autotrasportatori sardi, Andrea Melis, titolare di un’azienda a Oristano: “Per quanto ci riguarda, abbiamo già chiesto a chi di dovere tutte le autorizzazioni per svolgere alcuni presìdi, da lunedì, in vari punti della Sardegna, compresi i porti. L’obbiettivo principale è quello di un taglio delle accise sul gasolio, che deve tornare a prezzi più accettabili”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.