Ammutinamento di un gruppo di militari. La Francia condanna

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Golpe in Mali dove un gruppo di militari ha arrestato il presidente Ibrahim Boubacar Keita e il premier Boubou Cisse dopo una giornata convulsa in cui erano circolate notizie di un colpo di Stato in corso.

"Il presidente e il premier sono sotto il nostro controllo", ha annunciato in serata uno dei leader dei militari ammutinati precisando che i due sono stati prelevati dalla casa di Keita, a Bamako. Secondo un'altra fonte dell'esercito, presidente e premier sono stati fatti salire a bordo di un veicolo blindato diretto a Kati, la città a 15 chilometri dalla capitale dalla quale è partito il putsch. Qui, già epicentro del golpe del 2012, i militari hanno preso il controllo di una base strategica sparando alcuni colpi in aria. A nulla sono valsi gli appelli del premier alla calma e al dialogo.

Solo un'ora prima che uscisse la notizia del suo arresto, Cisse aveva manifestato la disponibilità del governo ad impegnarsi in "un colloquio fraterno" con i militari "per spazzare via tutti i malintesi".

Il presidente francese Emmanuel Macron ha subito condannato "il tentativo di ammutinamento" e ha chiamato i presidenti dei Paesi vicini - il nigeriano Mahamadu Issufu, l'ivoriano Alassane Ouattara e il senegalese Macky Sall - per discutere della crisi.

Il capo dell'Eliseo ha espresso "il suo pieno sostegno agli sforzi di mediazione dell'Ecowas " (la Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale) e ha assicurato di seguire "da vicino la situazione". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.