Nessuna certezza ancora sulla durata dell’anno scolastico. I giovani studenti-lavoratori stagionali protestano: “Fateci andare a scuola sino al 10 giugno e permetteteci di lavorare in estate”.Un campanello d’allarme, tanti giovani rischiano di trascorrere una estate da disoccupati. A Radio CASTEDDU intervieneMarco Muscas, 19 anni di San Vito, studente al quarto anno dell’alberghiero di Muravera. “Se la scuola dovesse prolungarsi per tutto il mese di giugno, noi non potremmo fare la stagione perché iniziamo a metà maggio, primi di giugno. Per il nostro futuro sarebbe veramente difficile; io ho già lavorato come cameriere per le due stagioni precedenti, è un grande aiuto dal punto di vista economico. Se dovessimo andare a scuola per più tempo c’è il rischio che tutte le squadre lavorative potrebbero essere già definite dagli operatori turistici e quindi non ci potrebbe essere spazio noi. La didattica a distanza è andata bene e non vedo perché ci debbano far finire più tardi; ci siamo sacrificati molto per quest’anno scolastico, abbiamo speso tanti soldi anche per ottenere una connessione e mezzi idonei per poter seguire la didattica a distanza”.Risentite qui l’intervista a Marco Muscas di Paolo Rapeanu e Gigi Garauhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/147006820512048/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.