Gli scatti di Emanuela Meloni per vedere e raccontare Pompu
Da sabato la quarta tappa del progetto che promuove la fotografia in Marmilla

Pompu 018 – Foto di Emanuela Meloni

Il tempo che passa e i luoghi che mutano. Un’indagine fotografica che arriva in un altro luogo della Marmilla, Pompu, descritto negli scatti fotografici di Emanuela Meloni. Sabato 24 ottobre, alle 17, sarà inaugurata nella piazza davanti al municipio la mostra che i raccoglie i lavori della fotografa cagliaritana. Si tratta del quarto progetto espositivo nell’ambito del programma sviluppato dal Consorzio di Comuni Due Giare e dall’associazione culturale Su Palatu_Fotografia.

L’inaugurazione sarà preceduta dai saluti del sindaco di Pompu Moreno Atzei e del presidente del Consorzio Due Giare Lino Zedda. Interverranno anche Sonia Borsato, curatrice della mostra e docente di Storia dell’arte all’Accademia di Belle Arti di Sassari, e la fotografa Emanuela Meloni. L’esposizione, allestita all’aperto, potrà essere visitata a qualsiasi ora del giorno sino al 29 novembre. Il lavoro sarà incluso in un volume edito dalla Soter editrice che sarà presentato al pubblico al termine del ciclo espositivo.

Nel catalogo, la curatrice Sonia Borsato fa notare come “l’indagine della Meloni parte dalla stratificazione storica dove tempo profondo e dimensione dell’oggi si incontrano e comunicano attraverso livelli tangibili ma spesso non immediatamente percepiti dall’occhio assuefatto. È per scardinare l’abitudine del pensiero e la pigrizia dello sguardo che interviene l’investigazione e il racconto fotografico che si attarda sul margine, fisico e metaforico, inteso come orizzonte degli eventi, soglia del divenire e del mutare, limite che ascolta il passato ma anche confine che costruisce il futuro”.

In contemporanea nei fine settimana – sabato e domenica – si potrà visitare parte della grande rassegna A.Banda 2020 esposta nel Casale Santu Miali di Pompu e nei paesi limitrofi di Albagiara, Curcuris e Villa Verde. Il progetto generale è curato dall’Associazione culturale Su Palatu_Fotografia in collaborazione il Consorzio Due Giare, il Comune di Albagiara, il Comune di Curcuris, il Comune di Pompu, il Comune di Villa Verde, da Vigne Surrau e dalla Soter editrice.

Emanuela Meloni. Nasce a Cagliari. Dopo due anni di studio in Scienze Politiche all’Università di Roma 3, si laurea in Filosofia all’Università di Trento. Nel 2008 si interessa di fotografia seguendo una troupe di documentaristi che girano un film sull’ultima miniera di carbone d’Italia, la Carbosulcis di Nuraxi Figus. Dopo diversi workshop e collaborazioni, nel 2012 è ammessa all’École Nationale Supérieure de la photographie di Arles, in Francia, dove si diploma nel 2015, con la menzione della
giuria.

Tra i temi che segue e sperimenta visualmente e plasticamente, primo tra tutti il paesaggio inteso come una soglia: un luogo fisico e mentale di relazione, travagliata e complessa, e di apparizione, andate e ritorni, d’intimità e memoria. Segue poi un’indagine sulla percezione stessa del paesaggio, che tenta sempre di essere multisensoriale e non solo visiva; alla ricerca di un linguaggio che tenti di unire l’io al mondo, di un’opera che possa tessere fili tra ciò che esperiamo e ciò che tentiamo di rappresentare e di fabbricare. In questa ricerca si fa strada, inoltre, la necessità di trovare un equilibrio tra i vuoti e i pieni: nello spazio, che sia mentale, fisico, urbano e naturale, nel linguaggio e nella temporalità mutevole dell’immagine.

Mercoledì, 21 ottobre 2020

L'articolo Gli scatti di Emanuela Meloni per vedere e raccontare Pompu sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.