“La realtà? Tanti stanno mangiando e chiedendo aiuto alla Caritas, anch’io lo sto facendo”. Gianluigi Mura, giostraio da tantissimi anni, è anche referente a livello regionale dell’Anesv (l’associazione nazionale esercenti spettacoli viaggianti). Ha postato una foto di una protesta avvenuta a luglio in via Roma: “Ma noi siamo fermi dal 5 marzo 202, un anno esatto. Ci sono ottanta famiglie disperate”, spiega Mura. “C’è poco da festeggiare, è sempre meglio ricordare gli ambulanti e gli operatori di luna park, sagre e feste: game over”. La speranza di poter lavorare a Pasqua e Pasquetta si è scontrata contro l’ultimo Dpcm in arrivo: “Non siamo mica untori, speravamo di poter uscire dall’incubo dopo dodici mesi, invece è destinato a durare. E ci hanno comunicato che tutte le feste saranno annullate, come passeremo l’estate e l’inverno?”, chiede, polemicamente, Mura.E il capo dei giostrai sardi è netto: “Gli aiuti regionali e nazionali sono stati dati sulla base del fatturato del 2019 e non del 2020. Ecco perchè sono pochi soldi: due anni fa, infatti, abbiamo lavorato, l’anno scorso no e siamo ancora fermi. Stiamo vivendo una situazione da disco rotto, il 2021 ha tutte le caratteristiche del 2020. Il Covid c’è, lo sappiamo e c’è il massimo rispetto da parte nostra: ma, se non ci fate lavorare, almeno dateci sussidi adeguati”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.