A Radio Casteddu l’uomo racconta: “Sono diabetico da 25 anni e il mio piano terapeutico viene fatto annualmente dai miei medici diabetologici. L’Ats però non mi dà quello che mi viene prescritto, non mi vengono dati soprattutto i sensori: io ho diritto a 45 sensori all’anno, strumenti che fanno parlare il mio corpo con il mio microinfusore che mi rilascia più o meno insulina in base alla mia glicemia.

Sono diritti calpestati, dicono che c’è una vecchia delibera da adottare alla quale è stata poi integrato un decreto che convalida questa prescrizione.

Sta diventando veramente fuori luogo questa situazione e, come me, per tanti diabetici sardi, senza contare che questo sistema del controllo del diabete è utile per la gestione di tutte le patologie che subentrano a causa del diabete, perché è una malattia subdola soprattutto se non controllata”.

 

Risentite qui l’intervista di Paolo Rapeanu e Gigi Garau

https://www.facebook.com/castedduonline/videos/483412109622487/

e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

L'articolo Gianluca di Sestu: “Diabetico da 25 anni, l’Ats continua a lasciarmi senza sensori: diritti calpestati” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.