Avvocati sospettano trame di corte per oscurare intervista a Cbs

(ANSA) - LONDRA, 03 MAR - Rispunta l'ombra di una vecchia accusa di bullismo su Meghan Markle, consorte del principe Harry, a pochi giorni dalla trasmissione dell'intervista che i duchi di Sussex hanno concesso negli Usa - dove si sono trasferiti da mesi dopo aver traumaticamente rinunciato allo status di membri senior della Royal Family britannica - all'anchorwoman dei vip Oprah Winfrey: intervista da cui Buckingham Palace teme possano arrivare frecciate imbarazzanti.

La vicenda, risalente al 2018 e già emersa in passato, è stata rispolverata oggi dal Times con la rivelazione nuova di una denuncia amministrativa formale contro Meghan presentata nell'ottobre di quell'anno da Jason Knauf, all'epoca addetto stampa dei Sussex nella loro veste di reali ancora 'attivi'. Un portavoce della duchessa, commentando la cosa, si è limitato a dire che Meghan "e' rattristata per questo ennesimo attacco alla sua persona", a maggior ragione poiché "vittima in prima persona di molestie" in passato e impegnata "a sostenere chi ha sofferto e ha subito traumi"; ma resta "determinata a continuare il suo lavoro per diffondere la compassione nel mondo e a sforzarsi di dare l'esempio".

Più direttamente polemici i suoi avvocati che, citati dallo stesso Times, hanno accusato ambienti di Buckingham Palace di aver ritirato fuori questa denuncia "totalmente falsa" con una tempistica ad orologeria, per cercare di mettere in cattiva luce la duchessa di Sussex in vista della temuta intervista di coppia alla Winfrey che la Cbs manderà in onda domenica 7 marzo.

(ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.