Gara di solidarietà ad Ardauli: domani una raccolta di indumenti e coperte per i profughi di Lipa
Originari in gran parte del Pakistan e dell’Afghanistan, sono bloccati al freddo in Bosnia

Facebook Comune di Ardauli

Dalla Bosnia alla Sardegna, da Lipa ad Ardauli. La Pro loco del piccolo centro del Barigadu ha attivato una raccolta di vestiti invernali e coperte da inviare ai profughi di Lipa, la maggior parte provenienti da Pakistan e Afghanistan. Lo scorso dicembre il campo profughi situato in territorio bosniaco, al confine con la Croazia, era andato distrutto a seguito di un incendio. Oltre 900 migranti si erano quindi ritrovati senza un tetto sulla testa nel periodo più freddo dell’anno. A Lipa l’inverno è molto rigido, le temperature arrivano fino a meno 20 gradi. Una parte dei profughi è stata accolta nelle tende riscaldate messe a disposizione dell’esercito, altri invece hanno trovato ripari di fortuna.

La Pro loco di Ardauli ha deciso di organizzare una raccolta di vestiti e coperte da destinare ai bambini e agli adulti del campo profughi di Lipa. L’associazione accetterà indumenti pesanti e coperte che non si utilizzano più ma in buono stato, da riporre in scatole o buste trasparenti.

La raccolta verrà effettuata domani, nei locali del vecchio municipio. Martedì prossimo la Pro loco invierà il materiale raccolto.

Sabato, 30 gennaio 2021

L'articolo Gara di solidarietà ad Ardauli: domani una raccolta di indumenti e coperte per i profughi di Lipa sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.