Sarà trasportato in sedi apposite e poi smaltito entro il 2045

(ANSA) - TOKYO, 10 MAR - Circa il 75% del suolo contaminato che si è accumulato durante il processo di decontaminazione dell'area, a seguito dell'incidente nucleare di Fukushima di 10 anni fa, è stato trasportato in luoghi di stoccaggio appositi.

Lo ha detto il ministero dell'Ambiente nipponico spiegando che l'operazione nell'intera prefettura dovrebbe produrre un ammontare equivalente a 14 milioni di metri cubi, tra terreno, erba e piante, escludendo le aree adiacenti alla centrale di Daichi, ancora considerate inavvicinabili per via dell'alto livello delle radiazioni presenti.

Secondo le autorità locali, alla fine di febbraio circa 10,48 milioni di metri cubi erano stati trasportati in altre aree della prefettura, e le manovre dovrebbero essere completate entro il marzo 2022. Per legge, le scorie dovranno essere trasportate fuori dalla prefettura, per poi essere smaltite definitivamente entro il 2045.

Il ministero punta a riciclare il terreno che rientra negli standard ambientali per l'utilizzo nei progetti pubblici, e a questo riguardo intende intavolare discussioni con le amministrazioni locali a partire dall'anno fiscale 2021. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.