Il 75% delle imprese agricole sarde è interessato alle produzioni di energia elettrica da fonti rinnovabili, in particolare agrisolare e agrivoltaico, il primo da installare sui tetti degli immobili strumentali dell'azienda agricola e il secondo da installare sui terreni agricoli, con strutture alte 3 o 4 metri dove sotto i pannelli si devono coltivare (obbligatoriamente) colture agricole. L'analisi è del Centro Studi agricoli che ha incontrato migliaia di imprenditori delle campagne su questo tema.

Per Tore Piana, presidente del Csa, "un forte impulso è stato dato dalla crisi energetica a causa del conflitto tra Ucraina e Russia, fra i maggiori produttori di gas importato in Italia. Inoltre - aggiunge - la crisi economica e gli alti costi di concimi, mangimi, gasolio e appunto dell'energia portano l'azienda a ricercare fonti alternative di reddito fra le attività connesse a quella principale agricola". Durante le riunioni la maggioranza degli agricoltori ha detto di conoscere almeno superficialmente l'agrivoltaico ma un buon 50% dichiara che manca una adeguata informazione.

"Girano tante notizie e fake, in particolare sui canali social - osserva Piana - Certo non aiuta il quasi vuoto normativo delle leggi e dispositivi regionali (fermi al 2011 cui l'unico riferimento resta il PPR): urge approvare una legge sulla materia, necessaria a far chiarezza. La Sardegna è una delle poche regioni ad non averla".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.