Cagliari

Affrontato anche il problema della fauna selvatica

I problemi legati all’impiego del fondo di rotazione di sostegno alle assicurazioni agricole (di cui alla legge regionale 284 del 27 ottobre 2021), oggi sono stati al centro dei lavori della Commissione Attività Produttive del Consiglio Regionale che nel pomeriggio ha sentito in audizione i rappresentanti dei Consorzi di difesa della Sardegna e l’Associazione “Orto di Eleonora”.

Salvatore Lotta, in rappresentanza dell’Orto di Eleonora ha posto l’accento sui ritardi, anche pluriennali, con cui l’AGEA e il Ministero dell’Agricoltura liquidano attualmente i contributi di aiuto alle imprese agricole.

Da qui la preoccupazione per il rischio di lunghi tempi di attesa per l’impiego del fondo, istituito allo scopo di agevolare l’accesso al credito agli imprenditori agricoli che intendono assicurare le coltivazioni e le strutture agricole a copertura dei rischi climatici più frequenti e delle fitopatie, e gli allevamenti a copertura delle epizoozie e delle infestazioni parassitarie.
“Ritardi che – ha affermato Lotta – rischiano di disincentivare il sistema di gestione dei rischi assicurabili, considerato che le imprese agricole di norma si vedono costrette ad anticipare somme, a volte importanti, per più anni in attesa che l’AGEA e il Ministero liquidino quanto dovuto”.

Lotta ha anche spiegato come il ricorso all’“anticipo bancario” sia però uno strumento che da anni va a deteriorarsi. “Di fatto – ha spiegato Salvatore Lotta – le Banche finanziano sempre meno il “sistema di assicurazione agevolata” ai soci o ai Consorzi di Difesa, anche se questi sono garantiti da future erogazioni di fondi pubblici. I Consorzi sardi sono ormai troppo esposti e non riescono più ad ottenere “credito”. Per questo motivo ormai molti imprenditori agricoli preferiscono stipulare “polizze assicurative” con Consorzi di Difesa presenti nelle altre Regioni d’Italia.”

Da Salvatore Lotta è a arrivata anche la sollecitazione perché “l’Agenzia LAORE termini celermente le procedure burocratiche indispensabili per predisporre il “protocollo di intesa” ed erogare tempestivamente i fondi in questione, considerato che l’agricoltura sarda vive nel suo complesso un periodo di stasi o di recessione. Protocollo d’intesa che deve vedere il coinvolgimento dei Consorzi di Difesa della Sardegna, in qualità di enti esperti nel settore in oggetto”.

Salvatore Lotta ha anche raccomandato che “trattandosi di una Legge emanata da una Regione Autonoma sarebbe auspicabile che l’accesso ai Fondi di Rotazione sia concesso esclusivamente ai Consorzi di Difesa aventi sede in Sardegna”.

Sulla gestione dei danni causati dalla fauna selvatica protetta, in particolare dalle cornacchie, Salvatore Lotta dell’Organizzazione di produttori L’Orto di Eleonora ha chiesto che “vengano previste con largo anticipo le misure necessarie per l’anno in corso, e vengano reperiti ulteriori fondi per risarcire gli agricoltori per le annate passate”.

“Ci preme ricordare – ha sottolineato Lotta – che gli agricoltori a fronte dei danni subiti ai sistemi di irrigazione e alle colture, non ricevono adeguati indennizzi”.

Proposte ascoltate con grande attenzione dai componenti della commissione presieduta da Piero Maieli e dall’assessore all’agricoltura Gabriella Murgia, presente all’audizione. Da tutti l’impegno di valutare attentamente le considerazioni sulle criticità segnalate e le indicazioni fornite.

Mercoledì, 26 gennaio 2022

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.