Baristi in semi lockdown: in zona rossa possono lavorare solo con l’asporto o con la consegna a domicilio. Dal governo potrebbe però arrivare presto la svolta: a Radio CASTEDDU, Flavio Marcis. “Sono obbligati ad ascoltare i nostri appelli, siamo praticamente allo stremo e anche il governo lo è, non ha più soldi e sono anche obbligati a farci riaprire.Noi non siamo abituati a stare a casa, siamo sofferenti quanto i clienti che vogliono tornare alla normalità. Con l’asporto sta andando male, abbiamo sempre i nostri dipendenti, non li abbiamo lasciati a casa, ma non c’è assolutamente un resoconto. La colazione non si può consumare in macchina o sul marciapiede e c’è anche un altro particolare da guardare, che nessuno sta valutando, ed è che il cliente si sta abituando a fare la colazione a casa e non al bar. Spero che i clienti tornino come prima. Io faccio questo lavoro da 40 anni, ho un bar ristorante in via Paoli e ne ho visto tanta acqua passare sotto i ponti ma ora siamo tutti in difficoltà, il commercio in particolar modo”.Risentite qui l’intervista aFlavio Marcis del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/232506961959061/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.