Da giorni, si preparavano all’evento. Cercando nastri rossi in casa e provando a capire qualcosa in più di questa giornata che chiama a raccolta tutti, in tutto il mondo, per urlare un no corale ai femminicidi e a ogni tipo di violenza contro le donne. Roba da grandi, ma che s’impara da piccoli. Perché è lì che nasce tutto, che si forma la coscienza di ognuno, che i bambini imparano a diventare uomini che rispettano e le bambine donne che non subiscono. Come sa bene il vicepreside dell’istituto comprensivo di Su Planu, Tore Serra, campione di basket in Sardegna e in Nazionale, presidente della federazione pallacanestro nell’isola: lui, che ha dedicato la sua vita all’educazione e alla cura non solo sportive di bambini e ragazzi, ha cercato di trasmettere l’importanza di una giornata come quella che si celebra oggi, girando per le classi e spiegando perché era importante che ognuno arrivasse a scuola col fiocco rosso.

E così stamattina, i bambini delle medie di Su Planu hanno indossato qualcosa di rosso come richiesto dai loro insegnanti e prima di entrare hanno annodato il loro fiocco rosso alla ringhiera. Ognuno con la mascherina, ben distanziati, assolutamente calati nel ruolo e consapevoli della portata di un gesto che non è solo forma ma è decisamente sostanza. Poi, tutti in classe. E lì i prof hanno parlato, spiegato, sensibilizzato. Perché a essere civili e rispettosi si impara da piccoli, e la scuola in questo, insieme alla famiglia, ha un ruolo decisivo.

L'articolo Fiocchi rossi all’ingresso della scuola: dai ragazzi delle Medie di Su Planu la lezione contro la violenza sulle donne proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.