Finto furto di maiali per non rischiare una sanzione: denunciato
I veterinari dell’Ats avevano contestato all’allevatore la sparizione di 43 scrofe

Aveva denunciato il furto di 43 scrofe, per le quali probabilmente non aveva rispettato le pratiche burocratiche per non incorrere in una sanzione amministrativa, dopo le ispezioni del veterinario dell’Ats. Ora un allevatore di Dolianova è stato denunciato dai carabinieri per simulazione di reato.

Gli investigatori sospettano che gli animali mancanti siano stati venduti in nero.

Durante un primo controllo, il veterinario aveva fatto notare la mancanza di 43 scrofe, e l’allevatore aveva promesso di fare una verifica per capire dove fossero finite. Subito dopo si era rivolto alla stazione dei carabinieri di Dolianova, per denunciare il furto degli animali.

Raccolta la denuncia, i carabinieri avevano fatto un sopralluogo nella porcilaia, senza però trovare effrazioni, calpestio sul terreno o altre tracce di un possibile furto.

Dopo tre settimane erano tornati i tecnici dei servizi veterinari dell’Ats per una nuova verifica, e anche loro avevano riscontrato l’assenza dei capi di bestiame. L’allevatore aveva mostrato il verbale della denuncia. Ma la storia non aveva convinto né gli operatori della Asl né i carabinieri. Alla fine è scattata la denuncia per simulazione di reato.

Mercoledì, 20 gennaio 2021

L'articolo Finto furto di maiali per non rischiare una sanzione: denunciato sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.