Parla Massimiliano Melis allevatore di capre residente in Trentino che durante il lockdown portava la sua bambina nella malga e la foto della piccola col banchetto, il computer circondata dalle caprette è arrivata fino al Papa che l'ha ricevuta in Vaticano

MEZZOLOMBARDO. “Ho sempre la Sardegna nel cuore pur vivendo da oltre trent’anni in Trentino, nella Val di Sole, la regione di adozione, dove sono emigrato per motivi di lavoro e mi sono integrato, afferma Massimiliano Melis, il padre di Fiammetta, la bambina di dieci anni salita agli onori della cronaca per essere stata ricevuta il 30 ottobre da papa Francesco”.

image
GIANCARLO BULLA -5.jpg

Chi è Massimiliano Melis?.”Sono il primogenito dei cinque figli messi al mondo da Anna Mattana e Vincenzo. Sono nato a Ballao, il paese di origine di mia madre, il 12 maggio 1963. Mi ha aiutato a nascere Silvana Boldrini, l’ostetrica del paese del Gerrei, deceduta poco tempo fa alcuni mesi dopo aver raggiunto l’invidiabile traguardo del secolo di vita. Ho trascorso l’infanzia e l’adolescenza ad Armungia il paese dove è nato mio padre, diventato famoso per aver dato i natali ad Emilio Lussu, il fondatore del Partito Sardo D’Azione. Ho frequentato le scuole elementari e le tre classi della scuola media e poi per 6 anni ho fatto il servo pastore alle dipendenze dell’allevatore di capre Libero Quartu. Dal 1982 al 1988 ho fatto il manovale. Poiché il lavoro scarseggiava ho deciso di emigrare nella penisola così come in quegli anni hanno fatto tanti altri miei conterranei. Dopo aver trascorso 2 mesi in Valle D’Aosta mi sono trasferito in Trentino a Mezzocorona. Per quasi un quarto di secolo ho lavorato come manovale per conto prima di una ditta dell’Alto Adige e poi di una tedesca. Negli ultimi anni della prima decade del secondo millennio ho maturato l’idea di fare l’allevatore di capre e ritornare così alle origini. Ho esposto il progetto alla mia compagna Annamaria Tai, oggi cinquantenne,(fa l’operatrice socio sanitaria (os) in una casa di riposo per anziani di Mezzocorona), che lo ha condiviso e mi ha incoraggiato. Nel 2015 ho acquistato le prime capre locali “passirie e mochene”, una quarantina, e ho incominciato ad attuare il mio progetto. Ho incaricato alcuni amici in Sardegna di tenermi informato sull’eventuale vendita di qualche gregge di capre .”

image
GIANCARLO BULLA -t.jpg

Quando è nata Fiammetta?. “Fiammetta è nata il 19 marzo 2011, il giorno della festa del papà. E’ stata una grande gioia. La bimba, tanto attesa, ha radicalmente cambiato la mia vita e ha “cementato” l’unione tra me e Annamaria. Fiammetta da quand’era piccina adora gli animali e chiedeva di venire nei due masi che ho vicino alla Rocca medievale di Samoclevo e nelle due malghe tra Dimaro e Terzolas, nella Val di Sole. Fiammetta attualmente frequenta la quinta classe della scuola primaria dell’istituto comprensivo di via Filzi di Mezzolombardo. Durante il periodo della didattica a distanza (dad) disposta per arginare i contagi della pandemia da covid, a differenza di tanti altri bambini, è stata divinamente perché ha avuto l’opportunità di poter vivere all’aria aperta a contatto con gli animali e la natura”.

image
GIANCARLO BULLA -2.jpg

Come è stato l’incontro con papa Bergoglio?. “Abbiamo avuto la fortuna di vivere una bellissima esperienza, emozionante. Il papa ha promesso a Fiammetta che se gli farà da guida tra i suoi monti e le sue caprette verrà a trovarla in Val di Sole. Nostra figlia ha regalato al pontefice il libro “Fiammetta e lo stambecco bianco ” che ha scritto durante la dad nel quale racconta come ha trascorso le sue giornate”.

Fiammetta come il padre è tifosissima del Cagliari. Più di una volta si sono recati a Peio, la cittadina del Trentino dove il Cagliari da alcune stagioni effettua la preparazione precampionato, che dista una sessantina di chilometri da Mezzolombardo per assistere agli allenamenti. Il centro di coordinamento dei Cagliari club le ha regalato una maglietta personalizzata e un cappellino passamontagna che indossa con orgoglio.

image
GIANCARLO BULLA -y.jpg

E’ vero che Fiammetta la aiuta”. “La bambina è molto volenterosa. Le piace aiutarmi sia quando mungo le capre, che quando preparo il formaggio (ho un attrezzato caseificio artigianale) e porto gli animali al pascolo. Attualmente ho 400 capre. 250 sono di razza sarda. Ho acquistato due greggi: uno a Seulo, l’altro ad Armungia”.

Da quanto tempo non va in Sardegna?. “Da quattro anni, da quando ho avviato la nuova attività. Ora assolutamente non posso, sono molto impegnato, devo accudire il bestiame. Appena potrò ci faremo un salto. Voglio rivedere mia madre Anna e le mie sorelle Loredana, Bianca, Valentina e Nicoletta”.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.