Un incendio vastissimo, esplosioni ripetute e tantissimo fumo. Il cielo sopra via San Paolo a Cagliari illuminato dal fuoco del maxi rogo scoppiato, verso le 21:45, nell’area del campo nomadi sgomberato solo qualche ora fa dalla polizia Municipale, intervenuta con la ruspa per abbattere la baraccopoli abusiva nella quale vivevano, da anni, un gruppo di Rom e di sardi. Sul posto sono intervenute due squadre dei Vigili del fuoco. Tantissime le segnalazioni dei cittadini, tutti hanno sentito varie esplosioni. E, da quanto si apprende, si è trattato di alcune bombole di gpl, esplose dopo essere state raggiunte dalle fiamme. In cenere anche le carcasse di automobili e gli altri rifiuti ammassati. Un inferno di fuoco, con una maxi nube che si è sprigionata e che è stata sospinta dal vento sino a via Po, rendendo l’aria irrespirabile. Un grosso e duro lavoro, quello svolto dai pompieri, con le operazioni di spegnimento rese ancora più difficili e pericolose proprio per la presenza sia delle bombole sia di cavi elettrici.

 

Sul posto anche gli agenti della polizia Locale e della questura, impegnati a svolgere tutte le indagini del caso. Molto probabilmente, infatti, si tratta di un rogo doloso: lo sgombero di stamattina e le fiamme, insomma, stando a quanto trapela, sarebbero collegati tra loro.

L'articolo Fiamme altissime, esplosioni e tanto fumo: inferno nel campo nomadi sgomberato a Cagliari proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.